ultimo aggiornamento:
14 aprile 2019


    • lunedi-venerdi: ore 8.30
    • sabato: ore 18.30
    • domenica:
      ore 8.00 - 10.30 - 18.30

    • martedi:
      9.00 - 11.00
    • mercoledi:
      9.00 - 11.00
      16.00-17.30
    • giovedi:
      16.00-17.30


Giovedì Grasso - Processo e Rogo della Vecchia

Carnevale in oratorio


Fotoarchivio 2018

Festa dell'oratorio


GREST 2018

PALIO DELLE CONTRADE 2018
La galleria fotografica

SS. Cresime e Comunioni


STONATISSIMA 32a edizione
La galleria fotografica

il nostro sito è segnalato su:

 

 


 



Pescati dalla rete:

Archivio

"E correvano insieme"


Il mattino di Pasqua le donne si affrettano a recarsi al sepolcro per ungere il corpo di Gesù con aromi e oli profumati, secondo l’usanza.
Una novità inedita, però, scuote le paure e i timori, gli inganni e i sotterfugi. Il sepolcro è vuoto, perché il Maestro, Gesù, è risorto!
A Pasqua non ci si affretta più!
Si può solo correre. E non per la fretta che ogni giorno ci contraddistingue.
Correre come si dice nel Vangelo di Giovanni al capitolo venti, quando si narra di Pietro e Giovanni che, dopo l’annuncio di Maria Maddalena della Resurrezione di Gesù, partono verso il sepolcro ingaggiando una vera e propria maratona: ha la meglio il più giovane, Giovanni, ma anche Pietro arriva, vede e resta attonito per lo stupore.
“E correvano insieme... ”, è l’invito perentorio a vivere intensamente questi giorni santi verso la Pasqua con lo stupore di chi non si trattiene più e si muove decisamente tenendo lo sguardo fisso su Gesù, per contemplare il mistero dell’Amore Crocifisso e Risorto.
E’ Parola che incoraggia a gareggiare nella fede non per ostentare certezze o teologie, ma per sostenersi a vicenda nella vita spirituale come Chiesa che vive nella storia cercando il Risorto.
Le celebrazioni liturgiche che vivremo in questi giorni “dicano” ed esprimano una fede semplice, ma tenace, un animo sensibile e commosso, un desiderio di comunione col Signore capace di non lesinare sui tempi e gli spazi da dedicare alla preghiera, al silenzio, alla contemplazione.
È il suggerimento prezioso a gustare e ritrovare la gioia della fraternità e della comunione che sono il frutto e il cuore della fede cristiana e dell’annuncio della Pasqua.
Gesù Risorto ci invita a lasciarci coinvolgere e a coinvolgere per vivere intensamente la solennità della Pasqua e degli eventi che la caratterizzano, vincendo timori e pregiudizi, lanciandosi con entusiasmo in un’avventura fraterna e gioiosa di condivisione e di accoglienza di tutti, dentro e fuori la nostra Comunità.
Questo messaggio di unità e di gioia, di luce e di consolazione è la “buona notizia del Vangelo” della Pasqua che raccogliamo come dono, gioia e speranza.
“E correvano insieme... ”, dunque, sia per noi lo stimolo a correre in unità d’intenti, di cuore e di spirito per raggiungere a contemplare la bellezza dell’amore del Signore Risorto.
A tutti voi, allora, auguro buona Settimana Santa e buona Pasqua insieme ai vostri cari.
Quotidianamente, e in questi santi giorni in particolare, prego per voi e vi benedico di cuore.
Vostro don Massimo